SEMI DI SPERANZA… DIMENTICATI

27 agosto 2006 at 10:45 8 commenti

1. Il 26 agosto di due anni fa moriva Enzo Baldoni, il giornalista free-lance impegnato nella pace il cui omicidio aveva tanto scosso (allora) le nostre coscienze https://danielatuscano.wordpress.com/?s=enzo+%C3%A8+morto. E oggi, che ne è della sua eredità? Il suo sito (http://www.bloghdad.splinder.com) lo ricorda con questa bella canzone del bravo Samuele Bersani:

Ho lasciato la mancia al boia per essere sicuro
che mi staccasse la testa in una volta sola
e ti assicuro
non lo pagai sperando di fermarlo
come mai si ritirò?
è un mistero e il motivo non so spiegarlo
ma so andarmene lontano
se nessuno mi trattiene
e tornarmene a Milano nonostante le catene

Ho lasciato la mancia al boia, sai quanto
mi servisse
un orologio Bulova
se il tempo lo scandiva la mia tosse
tanto che poi in cambio ottenni acqua
e un sorriso che pensai
fosse un rischio persino per lui
per capirmi è necessaria la curiosità di Ulisse
di viaggiare in solitaria
vedendo il mondo per esistere…

E chissà che poi non capita che ad uccidermi
sia per caso la pallottola amica di un marine
ma se chi dovrebbe darti aiuto
respinge il tuo saluto cosa fai?
Bestemmi o preghi il dio del vetro
andando marciandietro via dai guai
e vai all’inferno
che la differenza in fondo non ci sta

Ho lasciato la mancia al boia per essere sicuro
che mi staccasse la testa in una volta sola
e ti assicuro non lo pagai sperando di fermarlo
come mai si ritirò?
è un mistero e il motivo non so spiegarlo
ma nel giro di un minuto
dietro a un paio di lenzuola
è sbucato il sostituto
con in mano una pistola

Finalmente un po’ di musica
ma che nostalgia di quando avevo preso
la chitarra elettrica e l’ho data via
chissà se gli errori del passato
sono ancora adesso in garanzia
e se mi verrà mai perdonato
il fatto che io spesso andassi via
Un bacio a tutti, quanti sogni belli e quanti brutti
i miei occhiali si son rotti
ma qualcuno un giorno li riparerà…

Finalmente un po’ di musica
ma che nostalgia di quando avevo preso
la chitarra elettrica e l’ho data via
chissà se gli errori del passato
sono ancora adesso in garanzia
e se mi verrà mai perdonato
il fatto che non fossi a casa mia


Un bacio a tutti, fate sogni belli e pochi brutti
i miei occhiali si son rotti
ma qualcuno un giorno se li metterà
e a occhi semichiusi
attraverserà posti distrutti
e silenziosi…  

2. Le notizie atroci sulle barbarie maschili ai danni di innocenti donne, ragazze e (in qualche caso) bambine si sono susseguite con ritmo frenetico in questi giorni. Poiché in molti casi le violenze sono maturate in ambito islamico, i soliti militanti della purezza della razza hanno invocato, ancora una volta, il fatidico “Mandiamoli a casa!”. Poi però avviene che si libera con le sue sole forze una ragazza austriaca, bianca e cattolica, tenuta in prigionia per otto lunghi anni da un aguzzino (lui si faceva chiamare “padrone”) anch’egli austriaco, bianco e cattolico. Quale differenza tra lui e il padrone (non mi sembra il caso di dargli il titolo di “padre”) di Hina http://www.kataweb.it/news/tag/hina+saleem?

Nessuna, ovviamente, ma in tal caso nessuno ha invocato misure così estreme, si sa, i pazzi, i maniaci, i pedofili ecc. ecc. Certo Wolfgang era tutte queste cose e anche peggio, ma quando simili episodi si ripetono uguali a ogni latitudine i pregiudizi “razziali” o religiosi vanno a farsi friggere. Il mostro e il fondamentalista è in ognuno di noi: è nella cultura che continua a considerare le donne come semplici oggetti per il trastullo di “padroni” di ogni lingua, religione, età (cfr. http://www.womenews.net/spip/spip.php?article777).In mezzo a questa carneficina altre due notizie riguardanti delle donne si fanno strada (chissà come):

a) muore una maestra ottantaquattrenne e nel suo testamento nomina erede la sua classe del 1971. A condizione che la considerevole somma da lei lasciata (25.000 euro) sia impiegata DA TUTTI GLI ALUNNI, INSIEME, per opere di solidarietà. Gli ex-bambini (oggi quarantenni, io sono andata a scuola un anno prima di loro…) dopo essersi ritrovati, decidono di aprire una fondazione Onlus dedicata all’amata maestra. Il cui ultimo messaggio è stato: “Rimanete uniti”.

b) muore la baby-sitter honduregna di una ragazzina romana http://www.kataweb.it/news/tag/baby+sitter. Si è sacrificata per salvare la vita a quest’ultima, che stava annegando al largo di Orbetello.Quando gli stranieri commettono crimini, i grandi media non mancano di sottolinearlo. Quando sono “bravi” (e donne), il particolare è taciuto o appena accennato. In più, poiché la “giustizia” deve fare il suo corso, I GENITORI DELLA BAMBINA SONO STATI DENUNCIATI, VISTO CHE LA BABY-SITTER ERA SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO. Parliamo tanto di “mostri”, bisognerebbe però accordarsi su chi merita questo titolo.

Daniela Tuscano (nella foto: Hina Saleem)

Annunci

Entry filed under: Uguali&Diversi.

SEMI DI SPERANZA… DIMENTICATI LE PAROLE DEL PADRE. Il testo dell’orazione funebre pronunciata dalla scrittore israeliano David Grossman ai funerali del figlio Uri, morto in Libano

8 commenti Add your own

  • 1. daniele  |  30 agosto 2006 alle 11:00

    Troppo spesso succede che di queste persone prima o poi ci si dimentichi. Fino a che è attuale la notizia, tutto bene, ma poi il tempo fa cancvellare il loro ricordo.
    Domani, ad esempio, è l’anniversario della morte di Lady Diana; l’11 settembre, va bè tutti lo sappiamo, Poi ci sono la strage di Nassirya, i bambini di Beslan, e ancora che l’elenco sarebbe lungo.
    Lo scorso 1 dicembre aprii un post per ricordare la giornata mondiale della lotta all’aids, nessuno rispose.
    E’ così purtroppo ed io mi voglio sforzare per non dimenticare perchè non è giusto farlo. Queste persone che hanno lasciato la vita, la loro memoria deve servire a noi affinchè un domani non ci si debba ritrovare nella m.er.da dove già navighiamo.

    Rispondi
  • 2. danielatuscano  |  30 agosto 2006 alle 11:15

    Sì vabbeh Daniele ma io ho parlato di STUPRI, che credo siano un po’ più importanti dell’anniversario della morte di Lady Diana, anche se quest’ultima era un’icona gay (chi se ne strafotte!)…

    Rispondi
  • 3. daniele  |  30 agosto 2006 alle 11:30

    Non voleva eludere il problema, era per fare un punto sulla memoria.
    Purtroppo la questione degli stupri è di un allarmante unico ( a chi prendono glielo farei tagliare…) e non era mia intenzione sottovalutarlo.
    Ma purtroppo non trovo parole, solo sdegno per un atto così ignobile che come sai ho avuto modo di provare personalmente e sulla mia pelle.
    La castrazione non risolve il problema, ma almeno togliamo di mezzo uno stupratore. Almeno lui non lo userà più in modo sconsiderato. Dobbiamo affidarci alla giustizia italiana? Poveri noi, già prima navigava in acque torbide, oggi poi con Mastella (se non erro) ministro della giustizia, siamo davvero nella m. basti vedere cosa è venuto fuori con l’indulto.
    Mah!

    Rispondi
  • 4. danielatuscano  |  30 agosto 2006 alle 19:20

    A differenza dei sostenitori della destra, per cui tutto quello che fa la loro parte politica si accetta senza fiatare, io sull’indulto avevo scritto un commento al fulmicotone in https://danielatuscano.wordpress.com/2006/07/28/per-lindulto-governo-sinistro-ti-ringrazio/ . Quando  la sinistra sbaglia, sbaglia. E l’indulto è stato uno dei provvedimenti più impopolari che siano mai stati presi. “Grazie” a quest’ultimo è stata pure liberata l’assassina di suor Maria Laura Mainetti, sai quella che voleva sacrificare un/una religiosa a Satana? Ecco, cose così. Ma da Mastella, come dici tu, cosa possiamo aspettarci? :-/

    P.S.: Ad ogni modo vedo che ti è sfuggito ancora il mio richiamo alle fotocopie…

    Rispondi
  • 5. lucia  |  1 settembre 2006 alle 9:30

    Per mancanza di tempo ho letto in ritardo questo messaggio che reputo invece di grande attualità ed importanza.
    Sai Dani? Non credo si dimenti sempre, è che spesso siamo così pieni del nostro quotidiano che non ci resta sufficiente tempo per riflessioni, valutazioni e prese di posizione (a favore o contro).
    Non che ciò sia giustificabile ma, sai meglio di me che dare un calcio a tutto non è facile, perchè in questa società tutta di corsa ci siamo dentro anche noi e le nostre famiglie con un’infinità di impegni lavorativi, sociali, sportivi, personali…
    Fermarsi per pensare sembra quasi diventato un lusso!!!
    Per tornare ai tuoi argomenti volevo condividere con te la vergogna dell’indulto che doveva essere fatto in maniera più corretta, pensata, onesta.
    Da donna di sinistra la penso come te… Se la sinistra sbaglia va comunque contestata!!!
    A riguardo ho apprezzato il pensiero di Di Pietro.
    Per ciò che riguarda il problema stupri e abusi in genere contro le donne, credo che l’argomento sia vasto e implichi un allargamento dei discorsi sull’educazione di uomini e donne nella nostra società.
    Quello che spesso ci manca è il rispetto dell’essere umano, nasce tutto da qui!!!
    Non è sufficiente aumentare le pene per questi reati bisogna lavorare perchè uomini e donne nascano e vivano con pari opportunità!!!
    Le pari opportunità devono essere reali…
    Le discriminazioni per le donne arrivano nei luoghi di lavoro, nello sport, alcune volte in famiglia.
    L’impegno deve essere continuo affinchè l’essere umano innalzi la sua dignità.

    Nonostante ciò non mi sento in combutta con il maschio in quanto tale, bensì con chi è maschio o femmina ma non essere umano.

    Un abbraccio a Daniela e a tutto il mio mondo!!!

    Rispondi
  • 6. daniele  |  1 settembre 2006 alle 9:32

    Hai ragione, mi è passato di mente. Provvedo in questi giorni

    Rispondi
  • 8. HINA SIAMO NOI « Daniela Tuscano  |  16 maggio 2007 alle 8:24

    […] Daniela Tuscano (vedi anche: https://danielatuscano.wordpress.com/2006/08/27/semi-di-speranza-dimenticati/) […]

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Calendario

agosto: 2006
L M M G V S D
« Lug   Set »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Most Recent Posts


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: