QUESTO AMORE

31 dicembre 2006 at 13:09 12 commenti


Questo amore
Cosi violento
Cosi fragile
Cosi tenero 
Cosi disperato
Questo amore
Bello come il giorno
E cattivo come il tempo
Quando il tempo è cattivo
Questo amore cosi vero
L’amore è una realtà pienamente umana (di tutta la persona e non solo di una sua componente) che si esprime solo con un atto libero, cioè cosciente e volontario. Si può esprimere come un orientamento del carattere che orienta la persona nei rapporti col mondo, un atteggiamento universale verso tutta la realtà.  Un’arte che si acquisisce attraverso la maturazione della persona e l’esercizio delle sue facoltà umane.Che cosa significa dare  amore? La risposta sembra semplice, ma in realtà è piena di ambiguità e di complicazioni. Il malinteso più comune è che dare significhi “cedere” qualcosa, essere privati, sacrificare. La persona il cui carattere non si è sviluppato oltre la fase ricettiva ed esplorativa, sente l’atto di dare in questo modo. Il “tipo commerciale” è disposto a dare, ma solo in cambio di ciò che riceve; dare senza ricevere, per lui significa essere ingannato. La gente arida sente il dare come un impoverimento. La maggior parte degli individui di questo tipo, di solito si rifiuta di dare. Alcuni trasformano in sacrificio l’atto di dare. Sentono che solo per il fatto che è penoso dare, si dovrebbe dare; la virtù, per loro, sta nell’accettare il sacrificio. Per loro, la regola che è meglio dare anziché ricevere significa che è meglio soffrire la privazione piuttosto che provare la gioia.Per la persona attiva, dare ha un senso completamente diverso. Dare è la più alta espressione di potenza. Nello stesso atto di dare, io provo la mia forza, la mia ricchezza, il mio potere. Questa sensazione di vitalità e di potenza mi riempie di gioia. Mi sento traboccante di vita e di felicità. Dare dà più gioia che ricevere, non perché è privazione, ma perché in quell’atto mi sento vivo.

Il  concetto di amore per se stessi può essere sintetizzato citando questa massima di Meister Eckhart: “Se ami te stesso, ami gli altri come ami te stesso. Finché amerai un’altra persona meno di te stesso, non riuscirai mai ad amare te stesso, ma se ami tutti nello stesso modo, compreso te stesso, li amerai come una persona, e quella persona è sia Dio sia l’uomo. E’ grande e giusto chi, amando se stesso, ama in ugual modo il suo prossimo.

BUON 2007!!!

Daniela Tuscano e Donatella Camatta

Annunci

Entry filed under: frammenti.

ALBA DI SANGUE – Impiccato Saddam Hussein. Vendetta è fatta IL SORRISO CHE DISARMA

12 commenti Add your own

  • 1. donatella  |  31 dicembre 2006 alle 20:17

    ADDIO 2006

    GELATO – IL SUONO DI UNA LACRIMA CHE LENTAMENTE SCIVOLA SU UNA PALLIDA GUANCIA -ROSEO – LA BOCCA SI MUOVE, LE LABBRA SI TOCCANO – APPICCICOSO – POI SI DIVIDONO – AMARO – IL MARTELLO COLPISCE LA CORDA COSICCHE’ ESSA POSSA VIBRARE. LA SUA NUCA LUCIDA RIFLETTE LA LUCE DEL SOLE; ANCHE DI NOTTE; COSI’ IL SUO CUORE RIFLETTE L’INIZIO, IL PASSATO, L’ISTANTE, L’ATTIMO, FREDDO COME IL CRISTALLO. ( T.G.)

    Benvenuto 2007

    TANTi Auguri!!!

    Rispondi
  • 2. ORFEO  |  31 dicembre 2006 alle 20:25

    VI AUGURO UN FELICE 2007

    BUON ANNO

    Rispondi
  • 3. roberta  |  31 dicembre 2006 alle 13:47

    Auguro a tutte un felice anno nuovo pieno di tutte le cose che volete metterci dentro
    ciao roberta

    Rispondi
  • 4. massimiliano frassi  |  31 dicembre 2006 alle 13:31

    AUGURI DI CUORE DA NOI TUTTI PER UN NUOVO ANNO RICCO DI TUTTO CIO’ CHE VI MERITATE.
    CON L’AUGURIO ANCHE DI RITROVARVI ANCORA UNA VOLTA AL NOSTRO FIANCO.
    FELICE 2007

    GLI AMICI DI PROMETEO

    Rispondi
  • 5. alessandro  |  31 dicembre 2006 alle 14:51

    Buona Fine e buon principio a tutti.
    ale

    Rispondi
  • 6. ernesto  |  1 gennaio 2007 alle 2:42

    Buon Anno con la nuova nipotina di Renato… benvenuta piccola Adarella!!!!! (la vita è un dono…) 🙂

    Rispondi
  • 7. daniele  |  31 dicembre 2006 alle 21:14

    Su youtube il mio personale video-augurio di Buon Anno.
    Ho usato alcune parole di un caro amico e le foto dei bambini che, per me, rappresentano un futuro aperto e luminoso.
    Un abbraccio a tutti
    Daniele

    Clicca sotto:

    Rispondi
  • 8. danielatuscano  |  1 gennaio 2007 alle 11:36

    Ciao a tutti e buon 2007!

    La mia è una risposta veloce: sto partendo per il Veneto e non tornerò prima del 7 c.m. Avrei voluto parlare di tante cose, ricordare James Brown, Aroldo Tieri ecc., ma in questi giorni non è stato proprio possibile. Me ne occuperò al mio ritorno.

    Spero vi siate divertiti, ieri, al veglione di fine anno. Io adoro la compagnia, ma non vado matta per questo genere di appuntamenti, mi basta un brindisi con gli amici sinceri. E la festa alla quale ho presenziato aveva appunto questo carattere di familiarità, un piccolo locale – uno dei tanti centri umanisti di Milano, il Sans Papiers -, un ricco buffet, il caminetto, la musica, le chiacchiere, l’allegria. Come dovrebbe essere e ne approfitto per ringraziare gli organizzatori dell’incontro.

    Un saluto in particolare agli amici di Prometeo con la speranza di ritrovarci presto.

    Ovviamente ho saputo anch’io della piccola Ada (sennò che sorcina sarei?… 😉 ); mi fa pure piacere, ma non ne dubitavo, che Renato fosse presente ai funerali di Tieri: erano amici, la moglie del grande attore aveva recitato col Nostro in Figli del Sogno. Zero è ancora capace d’infondermi grandi emozioni. Ma quella più tenera, che ha concluso degnamente un anno per altri aspetti estremamente duro e crudele, risale a ieri sera, verso le 20 circa. Nell’edizione speciale di Blob, intitolata La Dolce Vita, sono sfilate immagini vecchie e nuove di politici, politicanti, santi e banditi, uomini pavidi e donne coraggiose, malati pieni di dignità e “sani” senza alcuna remissione: Saddam mescolato con Gorbaciov, con D’Alema in barca, con Craxi e Martelli (al primo momento pensavo si trattasse, per quest’ultimo, dell’imitazione della Guzzanti, non lo ricordavo così insopportabilmente femmineo, se penso che ora vogliono fare di lui e del suo capo dei martiri… vabbè, lasciamo stare), Pantani, Welby. E così via. Con sottofondi musicali a mo’ di commento.

    Ma il fulcro era dedicato ai funerali di Enrico Berlinguer. Nel 1984 avevo vent’anni e ricordo ancora la grande emozione, il forte turbamento per quella morte, anch’essa in diretta, eppure “vera”, rispettata. E la musica che accompagnava le immagini solenni dei funerali non era, come ci si sarebbe potuti aspettare, il Venditti di Dolce Enrico o un De Gregori. No. Era Il cielo, nella versione originale naturalmente, l’unica, scabra, vera, immensa, eterna, realmente celeste, così spirituale, e insieme così sincera e timida. Poetico. Giusto usarla per ricordare Enrico. Di nuovo, felice 2007.

    Rispondi
  • 9. ronny  |  1 gennaio 2007 alle 11:07

    1 gen. – MARIA MADRE DEL SIGNORE
    (Calendario Liturgico: FESTA, colore liturgico: AZZURRO. Chiese:
    Cattolica Romana)

    Questa festa, fortemente voluta da papa Paolo VI al posto
    dell’obsoleta festività della Circoncisione di Gesù, ha un grande significato e “respiro”religioso; Maria Madre del Signore, è figura della Chiesa e del credente. Averne posto la celebrazione a capodanno, aiuta il cristiano e la Chiesa, a riflettere, nell’anno che inizia, per essere, come Maria, capaci di custodire nel cuore la Parola ed essere sensibili alle necessità dei fratelli come ha fatto lei a Cana. Maria, ha tutti i titoli per essere posta, e lo è davvero, a “figura” della Chiesa e del credente.

    LODI: salmo 44
    EUCARISTIA: Gal 4,4-7 salmo 112 Lc 2,15-19
    VESPRI: salmi 145 e 149

    Preghiera Propria
    Signore nostro Dio,
    che nella maternità della Beata e Benedetta Maria, hai donato agli uomini i beni della salvezza eterna, fa che come a Cana
    sperimentiamo la dolcezza della sua preghiera, poiché per mezzo di lei abbiamo ricevuto tuo Figlio, il Logos.
    Per Cristo nostro Signore.
    – Amen

    Rispondi
  • 10. d.  |  1 gennaio 2007 alle 9:43

    Comincia un nuovo anno. Quale la speranza e l’impegno per ciascuno di noi?
    La speranza è che possa finalmente trionfare il messaggio di Cristo, nonostante i falsi profeti ed i finti predicatori; l’impegno consista per ciascuno di noi nella piena collaborazione affinchè il trionfo di tale messaggio possa trasformarsi, una volta compreso il vero significato e valore di “amore fraterno” nella realizzazione del regno di DIO che è sopratutto regno di Pace, di Perdono, di Solidarietà, di servizio senza tornaconto, senza amore di potere e sopratutto di purezza non tanto di corpo quanto di spirito! Che questo nuovo anno inizi con l’amorevole, paterno sguardo di Dio su ciascuno di noi, sulle nostre miserie, sulle nostre sofferenze,e, perchè no? sui tantissimi nostri limiti di poveri esseri umani. D.

    Rispondi
  • 11. Communitas2002  |  1 gennaio 2007 alle 21:18

    LA FINE DELLA VITA

    L’anno che ci siamo lasciati alle spalle ci ha proposto, in finale, il problema della fine della vita.
    E intendo proprio fine della vita, non della morte.
    Perchè c’è chi ha voluto che le istituzioni definissero cosa è accanimento terapeutico, e cosa deve essere una fine dignitosa della vita.
    Ma non ha avuto risposta chiara.
    C’è chi invece ha sentito impellente l’autorizzazione suprema, in nome della giustizia, a porre fine a una vita, come se questo fosse un atto di vera giustizia.

    I problemi che si pongono alle coscienze sono duplici. Ricordiamoci che un Papa (Giovanni Paolo II) ha chiesto di lasciarlo ”tornare alla casa del Padre”, rifiutando così le terapie estreme; quindi negare le terapie forzose che non sono rispettose della vita, ma solo di una sopravvivenza a tutti i costi, non è volontà di eutanasia, ma solo rispetto dei naturali ritmi vitali.

    Poi c’è la ”somministrazione” della morte in nome della giustizia. Questo non ci sembra mai accettabile, perchè dare la morte in nome di una giustizia di Stato, è sempre una barbarie, ovunque essa venga perpetrata.

    Su questi pensieri, speriamo che il 2007 ci porti qualche bagliore di luce.

    Simona Giovannozzi

    1 Gennaio 2007

    Rispondi
  • 12. donatella  |  5 gennaio 2007 alle 11:39

    Tutti gli aumenti del 2007!

    Tra gli aumenti del nuovo anno: benzina, Rc Auto, autostrade, Ici e Tarsu…
    Se il buongiorno si vede dal mattino, questo 2007 segnerà un brusco risveglio per le famiglie italiane. Raffica di rincari in arrivo per il nuovo anno, ad annunciarlo l’Adusbef: risultato delle addizioni? Una stangata da 10,5 miliardi di euro in più, circa 525 euro a famiglia. Tra gli aumenti del nuovo anno benzina e carburanti, Rc Auto, autostrade, Ici e tassa sui rifiuti.

    Autostrade

    Aumenti a partire dal 1° gennaio 2007 per le tariffe kilometriche sulle tratte del gruppo Autostrade per l’Italia, prima società autostradale italiana (61% dell’intera rete) con 3.400 Km di strade a pedaggio. Scatterà infatti con la nuova Finanziaria un sovrapprezzo a totale beneficio dell’Anas, che si ripercuoterà in un aumento variabile dei pedaggi compreso tra lo 0,8% e l’1,8%. Il sovrapprezzo a carico degli utenti consisterà indicativamente in 0,20 centesimi in più al km per le classi di pedaggio A e B e di 0,60 centesimi al km per le classi 3, 4 e 5, suscettibili a variazioni per effetto dell’Iva e dell’arrotondamento ai 10 centesimi previsto per legge.

    Sanità

    Confermati i più foschi presentimenti su rincari e pressione fiscale per il 2007. Il balzello sui ricoveri non urgenti (attualmente i codici bianchi costituiscono il 15% delle visite compiute in pronto soccorso per un totale di 2,7 milioni all’anno) dovrebbe portare nelle casse regionali 13 milioni di Euro secondo le stime. Se dal ticket sono esenti coloro che giungono per traumatismi e avvelenamenti acuti, non beneficeranno di sconti le categorie tradizionalmente “protette” ossia bambini sotto i 14 anni e ultra 65enni con un reddito inferiore ai 36 mila Euro. Ticket obbligatorio anche per prestazioni ambulatoriali e specialistiche, per cui si dovrà versare all’ingresso in ospedale (indistintamente pubblico o privato) un balzello di 10 Euro, per un introito preventivato complessivo di 810 milioni di Euro. Fa eccezione al resto d’Italia il Veneto che su decisione della Giunta ha decretato che il pagamento del ticket di 25 Euro per il codice bianco comprende anche la visita medica, come a dire paghi uno prendi 2.

    Trasporti

    Brutte notizie anche per chi si sposta per lavoro (ma non solo), sono aumentate da ieri le tariffe ferroviarie per un minimo di adeguamento previsto del 3% su tutti i treni in partenza dalle stazioni italiane, con picchi incrementali del 15% per i servizi di spostamento “veloce” (Eurostar ed Intercity). Tagli in vista anche sui servizi low-cost; dall’8 di gennaio sarà infatti soppresso il pendolino Roma-Milano rientrante nel piano tariffario TrenOk. I biglietti promozionali a 9 Euro saranno invece mantenuti per la tratta Roma Termini – Bari.

    Auto

    Scatterà da gennaio l’aumento automatico delle imposte regionali su benzine e diesel autotrazione (+20 euro). Aumenti in vista anche per chi ha intenzione di vendere l’auto: scattano infatti gli incrementi dell’imposta di trascrizione dei passaggi di proprietà (dal 20 al 30%). Scompare invece l’obbligo d’intervento del notaio per i passaggi di proprietà dei beni mobili registrati. Niente notaio per chi possiede un’auto, un motorino, una barca e vuole venderlo o regalarlo. Per i passaggi di beni mobili tra vivi ci si potrà d’ora in poi rivolgere al proprio comune (sono in funzione anche gli sportelli telematici). Scattano gli aumenti, peraltro già annunciati, sul bollo: si pagherà di più in proporzione alla potenza del motore e all’impatto inquinante del veicolo. Sul fronte Rc Auto invece si parla di adeguamenti tariffari dell’ordine del 2% (17 euro in più).

    Luce, acqua e gas

    “Nonostante la promessa di non aumentare, sicuramente dopo marzo, ci saranno incrementi a causa del costo di petrolio e gas a fronte di gestori colossi nelle grandi città con servizi sempre più carenti.” Questa almeno è l’opinione dell’associazione dei consumatori Telefono Blu: acqua +12 euro (per aumento tariffe idriche), Luce +30 euro e Gas +40 euro.

    Tasse sulla casa

    Tra le sorprese del nuovo anno rincari anche per Ici e Tarsu (tariffa raccolta e smaltimento rifiuti solidi urbani), se non è affatto chiaro quanto si pagherà in più con l’Ici, la Tarsu invece dovrebbe aumentare di 30 euro. Infine da segnalare un nuovo rincaro per la tassa più odiata degli italiani, ovvero il canone Rai (fermo ormai da tre anni a 99,60 euro) che sale a 104 Euro (+4,40 euro).

    Dove andremo a finire!!!!

    abbraccio

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Subscribe to the comments via RSS Feed


Calendario

dicembre: 2006
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Most Recent Posts


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: