PIZLAND – L’OroscoPizza Perpetuo!

31 dicembre 2007 at 0:06 14 commenti

Diciamolo francamente: li leggiamo tutti, sempre, ma non c’azzeccano mai. Mi riferisco ai vaticini, letture astrologiche, previsioni cosmiche, aruspici, insomma agli oroscopi dell’anno nuovo. In questo periodo impazzano i vari Starman-Maga Maghella-ZipZap con le loro stralunate capacità divinatorie (chessò, fine di tutte le guerre, Bush in esilio su Marte, scudetto all’Audax Bresso). Laughing In fondo, finché si attengono alle panzane in senso stretto, sono anche divertenti (eppure ricordo che anni fa una rivista “specializzata” annunciava a tutta pagina: “1992, sconfitto l’Aids”. Da sedia elettrica). Mad Io comunque vado sul sicuro e vi offro un OroscoPizza che almeno ha il pregio di poter essere riciclato ogni anno senza tema. Oh, lo so, mancano dei gusti fondamentali (pizza alla napoletana, secondo me sublime, alla siciliana, capricciosa…) mentre hanno strizzato fin troppo l’occhio a quella che in passato veniva definita “nouvelle cuisine” – ‘na ciofeca, la pizza al philadelphia se la mangino loro! puke_l – ma questo ho trovato, e questo vi regalo. Domattina parto per la montagna, torno all’Epifania, o con la Befana (no, non sono io, cattivelli…). pottytrain1 Quindi vi saluto tutti adesso. Ciauz – forse con un nuovo blog? – e non strafogatevi…

D. T.

Ariete: Segno di Terra e d’azione, governato da Marte, il focoso Ariete sprizza entusiasmo ed energia da tutti i pori. Combattente innato, per l’audacia a volte avventata che manifesta merita una caldissima Pizza con salame piccante, magari con aggiunta di polvere di peperoncino. 

Toro: Attenti, riflessivi, oculati, per il nostro tranquillo e un po’ pigrotto Toro ci vuole una bella Pizza con panna e prosciutto crudo, un connubio di gusti sani e semplici, come questo segno di Terra, sinonimo di stabilità. 

Gemelli: Il loro elemento è l’aria, hanno una grande capacità di adattamento e sono di agile intelligenza. Niente è più indicato di una Quattro stagioni variegata e fantasiosa, che ben si concilia con la loro creatività e comunicativa. 

Cancro: Per il sensibile Cancro ci vuole una pizza ricca di ingredienti teneri e burrosi. Consigliamo una Pizza stracchino e philadelphia, un’accoppiata di sapori profondi e delicati, ideali per la grande immaginazione dei nostri trasognanti Cancerini. Leone: Il segno è governato dal Sole. I Leoni hanno grande capacità di dominare e padroneggiare, supremazia, ottimismo e senso di ammirazione non gli mancano. Vogliono tutto e allora Pizza mari e monti. Più di così… 

Vergine: Segno di Terra famoso per la precisione e l’ordine. I Verginelli possiedono una mente logica e organizzativa, pochi semplici concetti ma ben chiari e saldi, come la Pizza alla romana: pochi semplici ingredienti ma intensi e saporiti.

Bilancia: Equilibrio, armonia, gentilezza sono i segni distintivi della Bilancia, un segno d’aria cui calzano a pennello le caratteristiche della pizza più famosa: la Margherita, una pizza gentile e armoniosa nella sua equilibrata semplicità. [E’ la mejo… è la mia!!!Wink Razz love1 ]
 

Scorpione: Il suo elemento è l’acqua, governato da Plutone, simbolo di distruzione e rigenerazione, istintivo e impetuoso, decisamente estremista. Consigliamo una Pizza salsiccia e cipolla, ricca di calcarea sulphurica, il sale omeopatico dei nostri Scorpioncini. 

Sagittario: L’elemento fuoco domina il segno. La loro curiosità, il loro spumeggiante ottimismo, i loro inarrivabili slanci sono degni di una croccante Pizza alla marinara guarnita con insalata di mare, calamaretti, cozze e vongole. 

Capricorno: Il Capricorno è segno della tenace e lucida volontà, dell’ambizione concentrata in un unico scopo. Logica, raziocinio e sangue freddo contraddistinguono i nativi del segno. Per loro Pizza fumée, un gusto intenso che soddisfa il loro tenace senso del dovere. 

Acquario: Eccentrici e indipendenti, vogliono libertà d’azione. Si sa, i nostri cari Acquari sono grandi idealisti, anche se un tantino indisciplinati. Per loro la pizza giusta è la 4 formaggi, che offre un connubio di sapori adatto alla loro personalità eclettica e originale. 

Pesci: E’ il segno della sensibilità emotiva, dell’intensa ricettività psichica, della ricerca dell’assoluto con un pizzico d’irrazionalità. Tutto ciò ben si concilia con una croccante Pizza con funghi e panna, un connubio di sapori delicati, intensi e indimenticabili come i nostri cari Pesciolini.

FELICE 2008!!!


__._,_.___

Annunci

Entry filed under: appuntamenti, parole, parole, parole....

SAREMO PARITA’ TRASLOCO…

14 commenti Add your own

  • 1. sandro  |  31 dicembre 2007 alle 7:19

    BUON ANNO
    auguriamoci tanto che nel 2008 aumenti la nostra speranza e il nostro coraggio
    mi auguro che ciascuno si agganci alle parole bibliche di Gesù tenute nascoste nelle pratiche religiose e non sono state prese in considerazione seria dalle strutture ecclesiastiche e decida lui come affiancarsi a quello che Gesù ha buttato nel mondo
    AUGURI

    sandro

    1Giovanni
    3,18
    “ Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma con i fatti e nella verità. “

    Amos
    2,6-8 Il Signore dice: “Gli abitanti d’Israele hanno commesso una violenza dopo l’altra; certa-mente io li punirò. Hanno venduto come schiavi uomini onesti, solo perché non potevano pagare i loro debiti, perfino poveri che non erano in grado di saldare nemmeno il debito di un paio di sandali. Costringono il povero a strisciare nella polvere e rendono la vita diffici-le al debole. Nei luoghi di culto osano sdraiarsi sulle vesti avute in pegno dal povero. Nel mio tempio bevono il vino confiscato.”

    Amos
    5:21-24 Il Signore dice: “Io odio le vostre feste religiose, anzi le disprezzo! Detesto le vostre as-semblee solenni. Non voglio più sentire il frastuono dei vostri canti, il suono delle vostre arpe. Piuttosto fate in modo che il diritto scorra come acqua di sorgente, e la giustizia co-me un torrente sempre in piena. “.

    Atti degli
    Apostoli 7,48 Il martire Stefano, dice : “Il re Salomone costruì una casa al Signore. Dio Onnipotente però non abita in edifici costruiti dalle mani dell’uomo”

    Geremia
    23,9 e 40
    Non ascoltate le parole dei profeti che profetizzano per voi; essi vi fanno credere cose vane, vi an-nunziano le fantasie del loro cuore, non quanto viene dalla bocca del Signore. Io non ho inviato que-sti profeti ed essi invece corrono; non ho parlato a loro ed essi profetizzano.
    Predicano la menzogna e profetizzano gli inganni del loro cuore. Se il profeta racconta il suo sogno, chi ha udito la mia parola annunzi fedelmente la mia parola.
    Perciò, eccomi contro i profeti che si rubano gli uni gli altri le mie parole, traviano il popolo con menzogne e millanterie. Io non li ho inviati.

    Giovanni
    4, 19 – 23 La donna (samaritana) gli dice : “Signore, vedo che tu sei un profeta. I nostri padri hanno adorato Dio sopra questo monte e voi dite che è Gerusalemme il luogo in cui bisogna ado-rare”. Gesù le dice: “Credimi, donna, è giunto il momento in cui né su questo monte, né in Gerusalemme adorerete il Padre. E’ giunto il momento, ed è questo, in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità; perché il Padre cerca tali adoratori. Dio è spirito, e quelli che lo adorano devono adorarlo in spirito e verità”.

    Isaia Il Dio santo si mostrerà santo nella giustizia. (5,16).
    Guai a coloro che fanno decreti iniqui e scrivono in fretta sentenze oppressive, per negare la giustizia ai miseri e per frodare del diritto i poveri (10, 1-2).
    Effetto della giustizia sarà la pace (32.17).
    (Se) davanti a te camminerà la tua giustizia, la gloria del Signore ti seguirà (58,8)

    Isaia
    42 Dice il Signore: Questo è il servo che io sostengo e che io scelgo perché lo amo. E’ riempito del mio spirito per diffondere a la mia legge tra tutti i popoli. Egli non griderà né alzerà la voce, non farà grandi discorsi nelle piazze. Egli farà conoscere la legge vera. Non perderà né la speranza né il coraggio, finché non avrà stabilito la mia legge : portare giustizia sulla terra. Per mezzo suo farò un’alleanza con tutti i popoli e porterò la luce alle nazioni. A-prirà gli occhi ai ciechi, metterà in libertà i prigionieri, e tutti quelli che si trovano in un’ oscura prigione.

    Isaia
    58 Io (Dio) denuncio contro Israele la sua ribellione, al mio popolo i suoi peccati. “Mi cercano ogni giorno, desiderano conoscere le mie decisioni. Anzi reclamano da me leggi giuste e vogliono che sia vicino a loro. Sembrano una nazione che agisce con giustizia e osserva le leggi del proprio Dio. Ma poi mi dicono: “Perché digiunare se non ci guardi ? Perché umi-liarci se non lo noti ?”. E io rispondo: “Proprio mentre digiunate vi preoccupate dei vostri affari e maltrattate i vostri lavoratori. Litigate con violenza, urlate e fate anche a pugni. Proprio perché digiunate in questo modo, io non vi ascolto. Per voi digiunare vuol dire piegare la testa come una pianta appassita, vestirsi di sacco e stendersi nella cenere. Pensa-te che sia questo il digiuno che mi piace? Questo, secondo voi, si chiama digiunare, umi-liarsi davanti al Signore ?
    Per digiuno io intendo un’altra cosa : rompere le catene dell’ingiustizia, rimuovere ogni peso che opprime gli uomini, rendere la libertà agli oppressi e spezzare ogni legame che li schiaccia. Digiunare significa dividere il pane con chi ha fame, aprire la casa ai poveri sen-za tetto, dare un vestito a chi non ne ha, non abbandonare il proprio simile. Allora sarà per te, popolo mio, l’alba di un nuovo giorno, i tuoi mali guariranno presto. Ti comporte-rai davvero in modo giusto e il Signore ti proteggerà con la sua presenza.

    Luca
    10, 28-37 Un dottore della legge, per mettere alla prova Gesù, gli dice: «Maestro, che devo fare per ereditar la vita eterna?»
    Gesu racconta una parabola.
    Un uomo che scendeva da Gerusalemme a Gerico, s’imbatté nei briganti che lo spogliaro-no, lo ferirono e poi se ne andarono, lasciandolo mezzo morto.
    Un sacerdote scendeva per quella stessa strada, lo vide, ma passò oltre dal lato opposto.
    Così pure un Levita, lo vide, ma passò oltre dal lato opposto.
    Un samaritano invece, passandogli accanto, lo vide e ne ebbe pietà : avvicinatosi, fasciò le sue piaghe, lo mise sul suo cavallo, lo condusse a una locanda e si prese cura di lui.
    Gesù chiede al dottore della legge “Quale di questi tre è stato il prossimo di colui che s’im-batté nei ladroni?”
    Lui risponde : «Colui che gli usò misericordia».
    Gesù gli disse: «Va’, e fa’ anche tu la stessa cosa. Molti profeti e re non hanno visto quello che voi vedete, e non hanno udito quello che voi udite”

    Luca
    11,43 Guai a voi se amate i primi posti nelle sinagoghe e i saluti nelle piazze.

    Luca
    20, 46-47 Non passeggiate volentieri con lunghe vesti, non amate di essere salutati nelle piazze e ave-re i primi posti nelle sinagoghe e nei conviti, non fate lunghe preghiere per mettervi in mo-stra.

    Marco
    3,31 – 35 Giunsero sua madre e i suoi fratelli; e, fermatisi fuori, lo mandarono a chiamare.
    Una folla gli stava seduta intorno, quando gli fu detto: «Ecco tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle là fuori che ti cercano».
    Egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?»
    Girando lo sguardo su coloro che gli sedevano intorno, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli ! Chiunque avrà fatto la volontà di Dio, mi è fratello, sorella e madre»

    Matteo
    11,7-8
    “ Gesù si mise a parlare di Giovanni Battista alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Allora, che cosa dunque siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che vestono abiti di lusso stanno nei palazzi dei re !”

    Marco
    7,5-6,14 “I farisei e i maestri della Legge chiesero a Gesù : Perché i tuoi discepoli non ubbidiscono alla tradizione religiosa dei nostri padri ?
    Gesù rispose loro : Il profeta Isaia aveva ragione quando parlava di voi. Voi siete degli i-pocriti, come è scritto nel suo libro :
    Questo popolo – dice il Signore – mi onora a parole, ma il suo cuore è molto lontano da me. Il modo con cui mi onorano non ha valore perché insegnano come dottrina di Dio co-mandamenti che son fatti da uomini.
    Così per mezzo della tradizione che voi insegnate, fate diventare inutile la parola di Dio. E cose come queste ne fate molte”

    Matteo
    10,17-18 “Maestro buono, che cosa devo fare per ottenere la vita eterna ?” Gesù gli disse : Perché mi chiami buono ? Nessuno è buono, tranne Dio !”

    Matteo
    20,25-28 “Come voi sapete, i capi dei popoli comandano come duri padroni; le persone potenti fan-no sentire con la forza il peso della loro autorità.
    Ma tra voi non deve essere così!
    Anzi, se uno tra voi vuole essere grande, si faccia servitore degli altri.
    Se uno vuole essere il primo, si faccia servo degli altri.
    Perché anche il Figlio dell’uomo è venuto non per farsi servire, ma per servire e per dare la sua vita come riscatto per la liberazione degli uomini”

    Matteo
    24 “Un giorno vedrete nel luogo santo colui che commette l’orribile sacrilegio.
    Se qualcuno vi dirà: “Ecco, il Messia è qui!” oppure: “È là”, voi non fidatevi.
    Perché verranno falsi profeti e falsi messia, i quali faranno segni miracolosi per cercare di ingannare, se fosse possibile, anche quelli che Dio si è scelto. Io vi ho avvisati”

    Matteo
    26,3-4 “Allora i capi dei sacerdoti e gli anziani del popolo si riunirono nel palazzo del sommo sacerdote, che si chiamava Caifa, e tennero consiglio per prendere Gesù con inganno e farlo morire”.

    Matteo
    3,7-9 “Vedendo però molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, Giovanni Battista disse loro: “Razza di vipere! Chi vi ha suggerito di sottrarvi all’ira imminente?
    Fate dunque frutti degni di conversione, e non crediate di poter dire fra voi: Abbiamo Abramo per padre. Vi dico che Dio può far sorgere figli di Abramo da queste pietre”.

    Matteo
    6,5-8 “Quando pregate, non siate come gli ipocriti; poiché essi amano pregare stando in piedi nelle sinagoghe e agli angoli delle piazze per essere visti dagli uomini. Io vi dico in verità che questo è il premio che ne hanno Nel pregare non usate troppe parole come fanno i pagani, i quali pensano di essere esauditi per il gran numero delle loro parole. Non fate dunque come loro, poiché il Padre vostro sa le cose di cui avete bisogno, prima che glie-le chiediate”.

    Matteo
    8,19-20 “ Allora uno scriba, avvicinatosi, gli disse: “Maestro, io ti seguirò dovunque tu andrai».
    Gesù gli disse: “Le volpi hanno delle tane e gli uccelli del cielo hanno dei nidi, ma il Fi-glio dell’ uomo non ha dove posare il capo”.

    Matteo
    23 “I maestri della Legge e i farisei siedono sulla cattedra di Mosè.
    Voi non imitate il loro modo di agire : perché essi insegnano, ma poi non mettono in pratica quello che insegnano.
    Tutto quel che fanno è per farsi vedere dalla gente.
    Le frange dei loro mantelli sono più lunghe di quelle degli altri.
    Desiderano avere i posti d’onore nelle sinagoghe, essere salutati in piazza e essere chia-mati “maestro”.
    Voi però non dovete fare così.
    Nessuno di voi si faccia chiamare “maestro”, perché voi siete tutti fratelli e uno solo è il vostro Maestro.
    E non chiamate “padre” nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello che è in cielo.
    Nessuno di voi si faccia chiamare “capo”, perché uno solo è il vostro Capo, il Messia.
    In mezzo a voi, il più grande è il servitore degli altri.
    Chi si farà grande, Dio lo abbasserà.
    Chi resterà umile, Dio lo innalzerà.”
    “Guai a voi, ipocriti, maestri della Legge e farisei! Voi fate lunghi viaggi per terra e per mare, pur di riuscire a convertire anche solo un uomo: ma poi, quando l’avete conqui-stato, lo fate diventare degno dell’inferno, peggio di voi.
    “Guai a voi, ipocriti, maestri della Legge e farisei! Voi date in offerta al Tempio la de-cima parte anche di piante aromatiche ma poi trascurate i punti più importanti della legge di Dio: la giustizia, la misericordia e la fedeltà. Siete guide cieche! Voi filtrate le bevande per non mangiare un moscerino e poi ingoiate un cammello.
    “Guai a voi, ipocriti, maestri della Legge e farisei! Voi, esternamente, sembrate buoni agli occhi della gente, ma dentro siete pieni di ipocrisia e di male.

    Matteo
    7, 21-23 Non tutti quelli che dicono: “Signore, Signore!” entreranno nel regno di Dio. Vi entre-ranno soltanto quelli che fanno la volontà del Padre mio che è in cielo.
    Quando verrà il giorno del giudizio, molti mi diranno: “Signore, Signore! Tu sai che noi abbiamo parlato a tuo nome, e invocando il tuo nome abbiamo scacciato demòni e ab-biamo fatto molti miracoli”.
    Ma allora io dirò: “Non vi ho mai conosciuti. Andate via da me, gente malvagia!”.

    Michea
    6,8 “ Il Signore ha insegnato agli uomini quel che è bene, quel che vuole da noi : praticare la giustizia, ricercare la bontà e vivere con umiltà davanti al nostro Dio”

    Proverbi
    16,18-19 “Prima della rovina c’è la superbia, prima della caduta c’è l’arroganza. Meglio umili con i poveri, che ricchi con i superbi”.

    Rispondi
  • 2. Mente Critica  |  31 dicembre 2007 alle 8:14

    tanti auguri
    MC

    Rispondi
  • 3. renato  |  31 dicembre 2007 alle 10:58

    Tanti auguri a tanti ma non a tutti
    ps: sono un acquario indisciplinato ma odio la 4 formaggi
    Renato

    Rispondi
  • 4. Tina  |  31 dicembre 2007 alle 15:19

    Ti saluto anch’io Daniela. Buon anno nuovo. Spero che siano giorni di serenità anche per ciò che magari non ci riguarda personalmente ma che vorremmo fosse migliore !!
    Un bacio. Tina.

    p.s. …e sono ariete, segno di fuoco non di terra… ah questi oroscopi !

    Rispondi
  • 5. Valeria  |  31 dicembre 2007 alle 16:44

    l’oroscopo della pizza su di me ha azzeccato…buon riposo e buon anno

    Rispondi
  • 6. pato  |  1 gennaio 2008 alle 0:37

    CIAO…..

    CHE LA VITA TI SIA BELLA IL NUOVO ANNO 2008
    FIN AL ANNO 2800 … Piu avanti e affare tuo
    si sei felice o no … :))))))))

    UNA FELICE FESTA PER TE E TUTTA LA GENTE CHE TI
    AMA

    pato 🙂

    Rispondi
  • 7. D.  |  1 gennaio 2008 alle 12:40

    FILASTROCCA DI CAPODANNO
    di Gianni Rodari

    Filastrocca di capodanno:
    fammi gli auguri per tutto l’anno
    voglio un gennaio col sole d’aprile
    un luglio fresco, un marzo gentile
    voglio un giorno senza sera
    voglio un mare senza bufera
    voglio un pane sempre fresco
    sul cipresso il fiore del pesco
    che siano amici il gatto e il cane
    che diano latte le fontane.
    Se voglio troppo, non darmi niente,
    dammi una faccia allegra solamente.

    A*U*G*U*R*I

    Rispondi
  • 8. rizzri  |  2 gennaio 2008 alle 9:58

    ….anche a te, Daniela, che sia un anno di gioia. Un abbraccio

    Rispondi
  • 9. Communitas2002  |  2 gennaio 2008 alle 22:39

    RIFLESSIONI DI INIZIO ANNO

    Sentire ogni giorno la sequela di dichiarazioni di chi vuole mandare a casa questo governo non è né positivo né costruttivo. Questo non lo diciamo noi, ma lo fa intendere il Capo dello Stato. Questo governo ha dovuto mettere mano a una situazione disastrosa sul versante dei conti pubblici (deficit superiore al 4% del PIL, quando il limite era a 3%) e perfino l’Europa ha dovuto congratularsi con la serietà e la velocità dell’approccio al risanamento.

    Perfino il Sole 24 Ore di oggi (a firma di Stefano Micossi), fa un elogio dell’operato del governo e ne mette in rilievo gli aiuti alle aziende, i risultati della lotta all’evasione, gli investimenti alle infrastrutture, il ragionevole compromesso sul problema dello scalone, e si sono previsti provvedimenti per la riduzione dei costi della politica.

    Questo non è sufficiente. Occorre rimettere in moto l’economia e il morale degli italiani, risollevare le categorie più incapienti e ridare slancio ai consumi (controllandone i prezzi).

    La disaffezione alla politica è conseguenza diretta di tanti che hanno problemi di arrivare alla fine del mese e dei giovani preoccupati dei contratti a termine. Occorre anche che le industrie pongano mano alla sicurezza sui posti di lavoro, visto che il Ministero del Lavoro può solo controllare alcune manifatture, e la maggior parte dei controlli, sono demandati alle regioni.

    Rimbocchiamoci le mani e proseguiamo sulla via del risanamento; rinnoviamo la classe politica: non diamo spazio a quei pochi che, per interessi personali, vogliono imporre la loro particolare visione.

    Simona Giovannozzi

    http://www.communitas2002.it

    2 gennaio 2008

    Rispondi
  • 10. apogea2  |  2 gennaio 2008 alle 23:24

    Grazie carissima e ricambio esattamente con le tue parole, tanta forza e allegria per te. Lu

    Rispondi
  • 11. franciet  |  3 gennaio 2008 alle 10:10

    …sì è proprio l’allegria, la gioia e un po’ di autoironia che ci vogliono.. permandare avanti non vegetando ma assaporando il “qui ed ora”!! Buon anno…FranciEtna

    Rispondi
  • 12. Roberto  |  3 gennaio 2008 alle 10:50

    Io amo la ROMANA (e il romano…) e sono vergine (il segno eh, non tutto il resto!!!). Augurissimi anche se in ritardo

    Roberto

    Rispondi
  • 13. TUTTOSCUOLA  |  3 gennaio 2008 alle 11:12

    Speriamo di fare cosa gradita inviando, come consuetudine, il riepilogo dei principali avvenimenti che hanno riguardato la scuola italiana nell’ultimo anno.
    Con l’occasione porgiamo a tutti i migliori auguri per un buon 2008!

    UN ANNO DI SCUOLA DALLA A ALLA Z
    Fatti, avvenimenti e persone – Consuntivo del 2007
    A cura di TUTTOSCUOLA

    A

    Anticipi

    La circolare per le iscrizioni 2008-09 compie l’atto definitivo di
    abrogazione degli anticipi nella scuola dell’infanzia, come aveva previsto la legge finanziaria. Un altro pezzo della riforma Moratti se ne va, mentre a Milano proprio l’ex-ministro, nella veste di sindaco, continua la sua riforma, ampliando ulteriormente l’anticipo dell’infanzia. La sfida Roma-Milano continua oltre Malpensa.

    B

    Bamboccioni

    Lo pensano e lo dicono in molti, ma, se la critica viene da un Ministro della Repubblica, le valutazioni cambiano.
    Padoa-Schioppa ha usato un termine improprio ma efficace che dovrebbe “svegliare” una societa’ mammona dove troppi ragazzi rischiano di non diventare mai adulti e autonomi, a causa anche di chi non chiede loro sacrifici e impegni, concedendo e tollerando piu’ di quanto dovuto.

    C

    Clausola di salvaguardia

    Il Ministero della P.I. predispone i nuovi organici del personale senza i previsti pesanti tagli imposti dalla finanziaria, correndo il rischio che il Ministero dell’Economia applichi, a carico del bilancio del MPI, la clausola del recupero dei mancati risparmi. L’extragettito registrato nei mesi successivi ammorbidisce Padoa-Schioppa che concede il perdono e abbona il debito, ma solo per il 2007. Can che abbaia non morde…

    D

    Debiti

    Il 2007 nella scuola sara’ ricordato per i debiti: quelli formativi e
    quelli finanziari.
    Il ministro Fioroni prende di petto la questione dei debiti formativi
    e scolastici degli studenti italiani a cominciare dalla riforma degli
    esami di Stato per proseguire con altre iniziative relative ai
    recuperi negli istituti superiori e anche nella scuola media.
    Le scuole avrebbero apprezzato pero’ un uguale impegno per cancellare i debiti finanziari dei lori bilanci.

    E

    Esaurimento (graduatorie)

    Le graduatorie permanenti si trasformano in graduatorie ad esaurimento con oltre 380 mila iscritti. Se la meta’ dei posti che si renderanno vacanti nei prossimi anni dovra’ essere riservata ai vincitori dei concorsi ordinari, per esaurire le graduatorie ad esaurimento ci vorranno almeno 15 anni.
    Graduatorie ad esaurimento di ….pazienza.

    F

    Fannulloni

    Insegnanti assenteisti? insegnanti fannulloni? Insegnanti incapaci?
    Il tiro al piccione e’ uno sport che piace sempre a qualche editorialista in cerca di colore. E cosa di meglio che impallinare i docenti? Qualche mela marcia si trova sempre, direbbe il ministro Fioroni.
    Anni fa lo stereotipo della satira era il ragioniere; ora sembra
    essere il docente.

    G

    Giudizi di ammissione

    Giudizio che va, giudizio che viene.
    A giugno, per la prima volta, gli alunni della nuova scuola media sono ammessi d’ufficio all’esame senza bisogno del giudizio di ammissione:
    un tardivo effetto di adeguamento degli esami di Stato del 1° ciclo a quelli del 2°, che, pero’, nel frattempo sono ritornati al giudizio di ammissione.
    A settembre pero’ il giudizio di ammissione per l’esame di scuola media viene ripristinato per decreto legge. Ma, dopo il ritorno dei giudizi, gli esami sono migliorati?

    H

    Handicap

    Il 2007 avrebbe dovuto essere l’anno della stabilizzazione degli organici di sostegno e della chiarezza di certificazione dell’handicap. Per il primo obiettivo non ci sono stati nemmeno timidi tentativi e tutto e’ rimasto esattamente come prima. Per il secondo obiettivo le Asl sono andate a ranghi sciolti, ignorando completamente le scuole.
    Non e’ che anche i decisori politici e amministrativi hanno bisogno anche loro di sostegno?

    I

    Indicazioni per il curricolo Sono arrivate le Indicazioni che dovranno sostituire le precedenti varate con la riforma Moratti che, sul piano formale, restano ancora vigenti.
    Niente di rivoluzionario nella nuova versione, ma soprattutto una razionalizzazione dell’esistente.
    Il problema e’ che sembra che gli insegnanti non si siano ancora accorti della loro esistenza. Gelo e indifferenza.

    L

    Lettura

    Insieme ai dati internazionali sulle competenze scientifiche degli studenti a 15 anni (Ocse), vengono resi noti anche quelli relativi alle competenze linguistiche degli studenti a 9 anni (Pirls).
    Bravi i piu’ piccoli, somari i piu’ grandi.
    Troppa scuola rovina?

    M

    Merito

    L’anno (solare) si e’ concluso con un provvedimento del tandem Fioroni-Mussi che ai fini delle selezioni per l’iscrizione alle universita’ a numero programmato assegna ben 25 punti (su 105) al curriculum scolastico dei candidati. Una specie di “credito scolastico” rafforzato e prolungato negli effetti. Benvenuto, sperando che la cosa non produca conseguenze… inflazionistiche sui voti scolastici, come successe a suo tempo con l’iperbolico aumento degli “ottisti”.

    N

    No Child Left Behind

    La legge simbolo della politica scolastica “compassionevole” dell’amministrazione Bush, varata con larga maggioranza bipartisan nel 2001, ha solo in parte mantenuto le sue promesse di riequilibrio socio-culturale, legate a un complesso meccanismo di incentivi in favore degli allievi socialmente o culturalmente svantaggiati. Pero’ il numero e il fervore delle iniziative e’ stato grande, e quello degli USA sembra essere il piu’ importante cantiere di sperimentazione e innovazione educativa.

    O

    Ocse-Pisa

    In Germania nel 2004 i risultati negativi in matematica per gli
    studenti quindicenni di quel Paese provocarono un specie di psicodramma nazionale, e l’assunzione di misure che sembrano aver gia’ dato buoni risultati nell’edizione 2006 del PISA. In Italia, forse per la prima volta, i pessimi risultati conseguiti dai nostri studenti non sono stati accolti con il mix di indifferenza e sufficienza del passato. Tanto per cominciare, e’ stato istituito un gruppo di lavoro per l’insegnamento/apprendimento della matematica. Mentre il destino dell’italiano, al momento, sembra affidato alle
    virtu’ taumaturgiche di Roberto Benigni. La vita e’ bella…

    P

    Pensionamenti

    La paura dello scalone 2008 fa 90 e i docenti, mentre il Governo rinvia la riforma, preferiscono il certo al rischio. E se ne vanno in pensione. E’ un boom.
    Oltre 42 mila insegnanti lasciano il posto ai precari che aspettano.
    Al ministero della P.I. il pensionamento di massa risolve il problema dei posti per 50 mila immissioni in ruolo.
    Al ministero dell’Economia si grattano in testa per far fronte al surplus dei nuovi costi previdenziali.

    Q

    Quaderno bianco

    Il destino dei quaderni, si sa, e’ quasi sempre quello di finire
    chiusi in un cassetto. Chissa’ se lo stesso sara’ riservato al quaderno redatto dai ministeri dell’Istruzione e dell’Economia.
    L’impressione e’ che se anche solo una parte delle proposte ivi contenute fosse realizzata – a partire dalla (effettiva) valorizzazione del merito e dalla costruzione di una (vera) carriera per gli insegnanti – la scuola italiana ne uscirebbe rivoluzionata.
    Restera’ un quaderno dei sogni?

    R

    Riforma della dirigenza

    Nel Consiglio dei Ministri di fine anno viene annunciato un piano per la riforma della dirigenza pubblica che dovrebbe prevedere, tra l’altro, la cancellazione dello spoils system.
    In questi anni la linea di demarcazione tra funzione politica e funzione amministrativa e’ stata quasi cancellata, e i dirigenti sono condizionati dal “ricatto” della nomina o della conferma gradita al politico di turno. E cosi’ i ministeri, privati di autonomia e responsabilita’, diventano grandi segreterie del ministro in carica.
    La riforma della Pubblica Amministrazione passa anche da qui.

    S

    Supplenze

    Il nuovo regolamento per le supplenze dovrebbe porre fine ad un periodo critico per i servizi scolastici, dove l’interesse dei supplenti, trasformato in diritto, prevaleva sui diritti degli alunni. Ma in molte scuole, a causa del ritardo delle nuove graduatorie di istituto, si continuano ad applicare i vecchi regolamenti, per la gioia dei supplenti e lo sconforto dei loro colleghi titolari e degli alunni.

    T

    Tabelline

    La serieta’ degli studi passa dalle tabelline, dalla grammatica, dalla sintassi, dai nomi di fiumi, di mari, di monti sin dalle elementari. Parola di ministro.
    La svolta del ministro Fioroni e’ peraltro un deja vu molto recente, perche’ proprio di quegli stessi contenuti si parla nelle Indicazioni nazionali dell’ex-ministro Moratti.
    C’e’ qualcosa di nuovo oggi nel sole, anzi di antico…

    U

    Unione europea

    Il sistema di istruzione italiano fatica ad entrare effettivamente in Europa. Il 2010 e’ vicino ma molti obiettivi dell’agenda di Lisbona sono ancora lontani, a cominciare dalla concreta riduzione della dispersione.
    Le buone intenzioni e le buone leggi ci sono, ma dal dire al fare… La sfida del nuovo obbligo di istruzione riuscira’ ad avvicinare nel 2008 l’Italia all’UE?

    V

    Valutazione

    Le vicissitudini della valutazione di sistema in Italia non finiscono mai. Fin dai tempi del CEDE di Aldo Visalberghi, antesignano di una concezione moderna della valutazione, scomparso nel febbraio 2007, i tentativi di creare anche in Italia un forte e autonomo Istituto nazionale di valutazione si sono infranti contro le resistenze della burocrazia ministeriale e di buona parte della classe politica da una parte, e i sospetti dei sindacati dall’altra, tutti timorosi di perdere influenza e potere. E intanto l’INVALSI continua ad essere commissariato…

    Z

    Zoccolo duro

    “Socle dur” si chiama, in Francia, il nucleo di saperi e di
    competenze ritenuto indispensabile per l’esercizio del diritto di cittadinanza culturale per tutti i giovani che frequentano la scuola obbligatoria fino a 16 anni.
    In Italia si sta provando a fare qualcosa di simile con i
    provvedimenti relativi al “nostro” obbligo (che non e’ scolastico ma di istruzione), ma si ha l’impressione – dovuta anche al carattere provvisorio e sperimentale delle misure – che lo “zoccolo” sia ben poco duro, anzi quasi impalpabile…

    Email: tuttoscuola@tuttoscuola.com

    Rispondi
  • 14. Piero  |  9 gennaio 2008 alle 13:02

    Ciao Daniela, come stai?

    Un abbraccione da San Francisco

    Tuo amico e sempre

    Piero

    Sognare Humanum est!

    To go against the evolution of things is to go against yourself.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


Calendario

dicembre: 2007
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Most Recent Posts


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: